Vangelo della domenica (23-06-2019)

Corpus Domini -DONO DELLA SUA VITA

Il concilio Vaticano II parla così dell’Eucaristia: “Il Signore ha lasciato ai suoi un pegno di speranza e un viatico per il cammino nel sacramento della fede in cui elementi naturali, coltivati dall’uomo, vengono trasformati nel corpo e nel sangue glorioso di lui, in un banchetto di comunione fraterna che è pregustazione del banchetto del cielo” (38). Il concilio parla dell’Eucaristia come del viatico, necessario a sostenere il cammino dei fedeli fino all’incontro con il Signore Gesù, infondendo nei loro cuori la speranza e la fiducia necessarie per non venir meno nei momenti più difficili.

Tale insegnamento trova un fondamento evidente nel racconto evangelico della moltiplicazione dei pani: prefigurando gesti propri dell’ultima cena e della celebrazione eucaristica, il Maestro nutre una folla immensa in un luogo deserto e coinvolge in questo sublime atto di carità i suoi discepoli, anticipando così la missione della Chiesa nel mondo.
Come ricorda il Concilio, l’Eucaristia è anche pegno di speranza, cosicché i credenti, nutrendosi di essa, possono fin da ora pregustare i beni del convito celeste nell’attesa del ritorno glorioso di Cristo come sottolinea bene l’apostolo Paolo nella seconda lettura: “Ogni volta infatti che mangiate di questo pane e bevete a questo calice, voi annunziate la morte del Signore finché egli venga”.

scarica foglietto della domenica

Archivi

Categorie

Visite

Visite 3.220

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 115

Da una qualsiasi SERP 0

IP unici 478

Ultimi 30 minuti 1

Oggi 36

Ieri 41