Vangelo della domenica (2-06-2013)

CORPUS DOMINI  – CRISTO RIMANE SEMPRE CON NOI

Mi è capitato di celebrare il matrimonio tra due ragazzi che avevano frequentato il corso di preparazione, ma, alla fine, lui aveva trovato lavoro in mare ed era partito: E’ ritornato il giorno prima del matrimonio ed è ripartito il giorno successivo e ritornerà tra qualche mese. Ho visto i due ragazzi abbastanza sereni e ho pensato alla forza dell’amore tra due persone che si pensano e si incontrano al di là della distanza e della lontananza del corpo. Una presenza, l’uno presso l’altra, che procura quiete, serenità e sicurezza.
L’essere umano è capace di un’esperienza singolare, di riconoscere una presenza misteriosa, ma reale, che tocca il centro del suo essere: una presenza che ispira un ineffabile sentimento di fiducia, di sicurezza, e che lo appella nell’intimo. Avviene tra due persone che si amano, ma anche nel rapporto con Dio. E’ la rivelazione e la presa di coscienza della presenza di Dio, “nel quale viviamo, ci muoviamo ed esistiamo”, una presenza che sostenta l’uomo e lo nutre.
Dopo l’ascensione che lo sottrae all’esperienza sensibile degli uomini, la presenza di Gesù resta reale, ma cambia segno. Egli resta e si dona sotto il segno del pane spezzato e del vino, nei quali offre il suo corpo come cibo e il suo sangue come bevanda di salvezza e di vita. Egli rimane con noi sino alla fine del tempo. L’amore rende presente l’amato anche se fisicamente assente, e i segni e gli oggetti di questa presenza sostengono la “comunione” tra gli amanti.
Qualcosa del genere avviene nell’Eucarestia. Ci si ricorda del Signore quando si legge insieme il Vangelo o si compiono dei gesti che evocano quelli di Gesù (sacramenti).. Ma l’Eucarestia non è memoria psicologica. In essa l’elemento sociologico e quello ontologico si congiungono in una unità superiore: è una memoria piena di realtà e di attualità: la fede. L’Eucarestia è un’intima unione con Cristo, morto, risorto e asceso al cielo, che si attua mediante il simbolo sacramentale. Alla memoria, alla psicologia e al sentimento si uniscono l’amore e la fede, che ci dicono che lì Lui è presente.
Celebriamo l’Eucarestia per divenire eucarestia, nell’appartenenza a una comunità di discepoli chiamata ad essere “Corpus Domini”, Corpo del Signore, incontrabile nella storia.

Archivi

Categorie

Visite

Visite 3.238

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 116

Da una qualsiasi SERP 0

IP unici 479

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 17

Ieri 299