E’ Domenica (19-12-2021) – 4a Domenica di Avvento anno c

COMMENTO AL VANGELO – IV DOMENICA DI AVVENTO

Il brano del Vangelo della quarta ed ultima domenica d’Avvento ha come protagoniste due donne: Maria ed Elisabetta. Vivono una condizione simile, essendo incinte grazie all’intervento di Dio. Inoltre, entrambe sono accomunate da una grande fede in ciò che Dio ha disposto per loro, per quanto sfuggisse alla logica umana.
Maria, dopo aver ricevuto l’annunciazione da parte dell’angelo Gabriele, si reca in fretta da Elisabetta, sua parente, spinta dalla gioia che quell’incontro con Dio le ha dato. Maria con grande fede ha accettato il progetto che Dio aveva per lei: il suo sì ha permesso che Gesù, Dio fatto uomo, potesse nascere sulla terra per portarci la salvezza.
Lo Spirito Santo di cui Maria è ricolma si propaga anche ad Elisabetta e al bambino che porta in grembo, non appena Maria la saluta. Elisabetta, avendo un cuore aperto e accogliente, lascia operare in lei lo Spirito e riesce, così, ad intuire la grandezza del disegno di Dio, che si potrà attuare grazie a Maria. Per questo chiama Maria “benedetta”, con quelle parole che ripetiamo recitando l’Ave Maria. Non solo: Elisabetta riconosce Maria come “madre del mio Signore”, madre del Salvatore. Anche Giovanni, fin dal grembo materno, percepisce e indica la grande figura di Gesù e sussulta di gioia.
Maria è chiamata anche “beata” da Elisabetta, perché ha avuto fede e ha creduto nella promessa fattale da Dio. Ha accettato di essere la serva di Dio e di compiere la Sua volontà, nonostante andasse oltre la comprensione umana.


4a domenica di Avvento – clicca sopra per leggere la parola di Dio

 

AVVISI
Catechismo gruppo 2a Media
I ragazzi della seconda media offrono dei biglietti natalizi a offerta libera per aiutare un gruppo di ragazzi del catechismo che si sta preparando alla Cresima come loro o di una parrocchia del Congo o del Rwanda (poi si vedrà). La carità è esperienza di Dio, importante creare legami con altre situazioni difficili nel mondo per toccare con mano la povertà. I biglietti verranno distribuiti a Bozzano sabato 18 alla messa delle 18,30, a Massarosa sabato 18 alla messa delle 18, a Piano del Quercione domenica 19 alla messa delle 9,30.
Domenica 19 – al termine di ogni messa di sabato 18 e domenica 19 saranno benedetti i bambinelli da mettere nel presepe in famiglia.
A Massarosa presepio vivente.
Nel pomeriggio nella sala don Bosco ‘Canzoni intorno a Natale’ – ingresso libero.
Martedì 21 – alle 21 in canonica incontro sulla parola di Dio
Alle 21 siamo qui Giovani.
Mercoledì 22 – a Gualdo alle 21 nella sala parrocchiale incontro sulla parola di Dio.
Domenica 26 – alla Messa delle 11 a Massarosa presentazione alla comunità dei fidanzati, segue pranzo al sacco e ritiro.
Martedì 28 – alle 21 al Don Bosco riunione di tutti i Catechisti.

40 ore a Massarosa
Il 27 e il 28 dicembre dopo la Messa delle ore 18 adorazione eucaristica fino alle 20.

Misericordia di
Piano del Quercione
Il ricavato della vendita stelle di Natale ‘una stella per tutti’ è stato di € 150,00 che sarà devoluto a famiglie bisognose.
A Massarosa giornalino Incontro in consegna da lunedì 20 ore 15 in tutte le famiglie.

CONFESSIONI DI NATALE

Lunedì 20 dicembre
Massarosa
dalle 15 alle 17: 30 disponibili 3 preti
dalle 18:30 alle 20 disponibili tre preti.
Martedì 21 dicembre
Bozzano
dalle 9:30
dalle 16 alle 19
Mercoledì 22 dicembre
Piano del Quercione
alle 15:30 e poi Messa alle 17.
Giovedì 23 dicembre
a Gualdo alle ore 15:30
a Pieve a Elici alle ore 15:30
Venerdì 24 dicembre
a Massarosa dalle 9 alle 12
a Bozzano dalle 9 alle ore 12

NATALE DEL SIGNORE

S.MESSE 24 DICEMBRE
Bozzano ore 18,30
Piano del Quercione ore 21
Gualdo ore 21,30
Pieve a Elici ore 22
Massarosa ore 23

S. MESSE 25 DICEMBRE
Massarosa ore 8 e 11
Montigiano ore 9
Piano del Quercione ore 9,30
Bozzano ore 10
Pieve a Elici 11,30
N.B.—Le Messe di Natale saranno molto frequentate ed alcune già adesso sono piene, pertanto vi invitiamo a trovare posto in una delle altre celebrazioni

 

One Reply to “E’ Domenica (19-12-2021) – 4a Domenica di Avvento anno c”

  1. Riccardo

    Il brano di questa domenica, come quello relativo all’Annunciazione, é permeato da una dolcezza ed una delicatezza tipicamente femminile che in realtà cela una forza enorme ed inimmaginabile, la forza della più grande rivoluzione dell’umanità.
    E’ una rivoluzione che riguarda tutti noi credenti, uomini e donne, ma é un evento innegabilmente al femminile, perchè il grande Disegno della salvezza si concretizzerà solo grazie a queste due donne, Maria in primis.
    Due donne che avvertono fortissima in loro la presenza dello Spirito Santo, che trasforma la fanciulla di Nazareth nella Serva del Signore e che da’ a Elisabetta la conferma che quanto sta avvenendo é veramente ciò che era stato predetto. Tanto che con la gioia più grande e sincera chiamerà la cugina “madre del mio Signore” benedicendo il compimento della parola di Dio.
    Due donne differenti per età ed esperienza ma accomunate da una Fede incrollabile, totale e assoluta che permetterà ad entrambe di affrontare le prove che le attendono con la fiducia e la serenità che vengono loro da Dio, anche se qualche volta sicuramente avranno pensato che il Progetto del Padre fosse troppo grande per le loro capacità (basti pensare quando Simeone parla della spada che trafiggerà il cuore a Maria o quando Gesù fanciullo, ritrovato nel tempio di Gerusalemme, si stupisce dell’angoscia dei genitori e dice loro candidamente che deve occuparsi delle faccende del Padre suo……).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Categorie

Visite

Visite 3.140

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 112

Da una qualsiasi SERP 0

IP unici 461

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 0

Ieri 39